Cerca

Google Plus


Home arrow Notizie arrow Parco marino Costa degli Dei
Parco marino Costa degli Dei Stampa E-mail

Il nuovo Parco Marino Regionale Fondali di Capocozzo − S. Irene − Vibo Marina − Pizzo − Capo Vaticano − Tropea.

L’ambiente marino costituito dai Fondali di Capocozzo − S. Irene − Vibo Marina − Pizzo Calabro − Capo Vaticano − Tropea,  posizionati in un’area di notevole interesse paesaggistico calabrese, ricadenti nei comuni di Pizzo Calabro, Vibo Valentia, Briatico, Zambrone, Parghelia, Tropea e Ricadi - Capo Vaticano, costituisce, un sistema omogeneo caratterizzato dalla presenza di specie animali e vegetali di interesse naturalistico, culturale, educativo e ricreativo.

L’area in oggetto è interessata dalla presenza di tre SIC: il Sito di Interesse Comunitario "Fondali di Capocozzo − S. Irene", il Sito di Interesse Comunitario "Fondali di Pizzo" e il Sito di Interesse Comunitario "Fondali di Capo Vaticano"

I Fondali di Capocozzo − S. Irene − Vibo Marina − Pizzo Calabro − Capo Vaticano − Tropea sono caratterizzati da uno
degli esempi più belli di flora e fauna mediterranea. Caratterizzano i fondali una estesa prateria di Posidonia climax, ad alta biodiversità, importante nursery per pesci anche di interesse economico, e per la salvaguardia delle coste dall’erosione, sottoposta a fenomeni di regressione e ad alto grado di vulnerabilità legato alla pesca abusiva con reti a strascico, anche sotto costa, all’inquinamento organico da scarichi di impianti fognari a mare, e ad ancoraggio su boe fisse.

Caratteristica peculiare di questi fondali è la presenza di secche rocciose con andamento sub-parallelo alla costa.
Incantevole è il degrado roccioso: la secca infatti muore sul fondale sabbioso, franando bruscamente. Innumerevoli sono i buchi,  gli anfratti, gli archi naturali e le spaccature nella roccia. Interessanti sono le immersioni, non solo per le specie ittiche presenti, ma anche per la presenza di reperti di archeologia subacquea.

Oltre alla comune fauna mediterranea: scorfani, saraghi, occhiate, polpi, murene, pagelli, orate, mormore, varie specie di serranidi, etc., numerose sono le cernie, alcune delle quali anche di notevoli dimensioni. L’area marina, nella stagione primaverile e autunnale, è zona di passaggio di numerose specie pelagiche,tonni, ricciole, palamite nonché di delfini e stenelle, e sono state avvistate anche tartarughe marine della specie Caretta Caretta.

Oltre al parco marino della costa tirrenica vibonese costituito dai Fondali di Capocozzo − S. Irene − Vibo Marina − Pizzo Calabro − Capo Vaticano − Tropea, la Regione Calabria ha approvato altri quattro parchi marini in Calabria: il Parco Marino “Riviera dei Cedri”, “Baia di Soverato”, “Costa dei Gelsomini”, e Parco marino “Scogli di Isca” che sorgerà, attorno ai due famosi scogli, tra i territori di Amantea e Belmonte Calabro
Ultimo aggiornamento ( mercoled 15 aprile 2009 )
 
Pros. >